Archivio per la categoria ‘05 Interviste

Sinato: “La promozione? Obbligati a crederci”   Leave a comment

Bomber e trascinatore. E’ il miglior marcatore della Tritium con sette gol e dimostra ogni partita grande spirito di sacrificio. Manuel Sinato, classe ’79, parla da veterano anche se è alla sua prima stagione a Trezzo. Il suo carisma e la sua esperienza saranno fondamentali nel finale di stagione.
Manuel, qual è il momento della squadra?
Sicuramente abbiamo perso qualcosina nella brillantezza del gioco. Però non dipende solo da noi. Abbiamo avuti diversi infortuni e partite difficili che ci hanno creato difficoltà. E poi il Girone di ritorno è più difficile.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Paride Valtulini: «E’ una squadra che ha voglia di stupire»   3 comments

L’acquisto di gennaio. Paride Valtulini è un difensore centrale classe ’88. Proviene dal Casale nello scambio con Andrea Gavazzeni. Fedelissimo di mister Vecchi ai tempi della Colognese, arriva alla Tritium carico di entusiasmo e pronto a rilanciarsi.
Benvenuto Paride. Come sei arrivato alla Tritium?
Vengo da un infortunio di due mesi e da un’esperienza nel complesso negativa a Casale. Poi è arrivata la chiamata di mister Vecchi ed eccomi qua.

Leggi il seguito di questo post »

Da sabato mattina, via al nuovo sito ufficiale Tritium   Leave a comment

Due settimane di ritardo, ma ci siamo. Parte da domani mattina, l’avventura del nuovo Sito Ufficiale Tritium. Leggi il seguito di questo post »

Andrea Malgrati: la duttilità fatta giocatore   Leave a comment

Capitano per un giorno. Andrea Malgrati, difensore classe ’83, è uno dei pilastri dell’arcigna difesa biancoazzurra. La sua stagione è stata un crescendo continuo. Questa progressione gli sta garantendo un posto da titolare.
La vittoria di ieri, contro il Renate, ci ha regalato il primo posto in classifica.
E’ una sensazione bellissima. Stiamo disputando un buon campionato. Già l’anno scorso abbiamo fatto una cosa meravigliosa ottenendo la promozione in Seconda Divisione. Quest’anno stiamo facendo ancora meglio. Non siamo primi per caso. Dietro c’è tanto lavoro, sacrificio e dedizione.

Leggi il seguito di questo post »

Tritium-Renate (2-0): le interviste   Leave a comment

Stefano Vecchi (all. Tritium): Abbiamo rischiato qualcosa nel primo tempo, pur creando buone occasioni. La partita era giocata a viso aperto da entrambe le squadre, poi siamo stati bravi e fortunati a passare in vantaggio per primi. Incontravamo una squadra che veniva da 9 partite senza sconfitte. Quindi all’inizio era naturale fare un po’ fatica. Nel secondo tempo, invece, la gestione della gara è stata perfetta. Abbiamo gestito il vantaggio con il gioco, proponendo l’azione in modo costante. Nelle ultime partite questo era un po’ mancato. Portiamo a casa tre punti importantissimi, arrivati in un turno piuttosto favorevole, visti i risultati. Siamo in testa, siamo soddisfatti, ma abbiamo anche avversari che devono recuperare partite. Con questi risultati, allunghiamo ancora sulla sesta, l’ultimo posto valido per i playoff che restano il nostro obiettivo. Il merito comunque è di un gruppo dal valore assoluto. Oggi avevamo tre assenze importanti (Dionisi, squalificato; Bortolotto Enrico e spampatti, infortunati ndr), ma chi è ritornato titolare ha tenuto il livello molto alto. Abbiamo ottime variabili in tutti i ruoli e oggi i vari Teso, Vecchio e Chimenti lo hanno ancora dimostrato.
Dario Teso (difensore Tritium): Ci aspettavamo una squadra aggressiva, che già dal riscaldamento ha tenuto a far vedere la sua carica. Le difficioltà iniziali erano dovute soprattutto al loro pressing alto. Siamo abituati a cominciare l’azione in tranqullità e il loro agonismo ci ha costretti a cercare i nostri attaccanti oltre il centrocampo. Nel secondo tempo, invece, abbiamo preso in mano il gioco senza rischiare più nulla. Il merito è di questo gruppo splendido. Chi gioca meno si sente sempre protagonista di qualcosa, aldilà del buon momento sportivo. ed è questa la nostra forza. Oggi rientravo da titolare dopo tante partite e credo di aver dato il mio contributo. Il nostro obiettivo rimane sempre quello di mettere in difficoltà il mister con buone prestazioni. Il gol? Sono molto felice. L’ho visualizzato subito. E’ stato la ciliegina sulla torta di una giornata splendida.
Simone Boldini (all. Renate): Abbiamo iniziato la partita con l’atteggiamento giusto, ma la cattiva gestione di due episodi ci è stata fatale. Andare in svantaggio su un campo stretto come questo, rende difficile recuperare con una manovra ordinata. La Tritium, nonstante le assenze, si è dimostrata una squadra di qualità. Esterni veloci e due attaccanti esperti e scaltri nel procurarsi quei calci piazzati che alla fine si sono rivelati decisivi. Il nostro momento? Siamo in emergenza. Oggi Brignoli non era in buon condizioni e l’infortunio di Cortinovis (sospetta distorsione del ginocchio destro ndr) arriva a complicare le cose in un momento delicato. Mercoledì recuperiamo a San Giusto Canavese. Dobbiamo fare risultato, nella speranza, da qui in poi, di non perdere altri giocatori importanti.
Manuel Monzani

Il Biancoazzurro ora lo condividi su tutti i social network   1 comment

Tanto attesa, alla fine è arrivata. WordPress apre le porte alla condivisione sui principali social network dei post pubblicati sotto il suo tetto. Cosa significa? Da oggi, potrete mostrare a tutti sulle vostre pagine Facebook, Twitter e WordPress, articoli, immagini e video de Il Biancoazzurro. Basta cliccare sui tasti che trovate sotto ognuno dei nostri post:
Oltre ai tasti per lo sharing sui social network più comuni,avrete la possibilità di inviare in modo rapido il post che vi interessa via mail, o di stamparlo con un clic. Un’opzione che, speriamo, permetterà di far crescere il nostro volume di contatti e permetterà a tutti voi di portare sempre più pezzi di Tritium nel mondo. Virtuale e non.

Leo Di Ceglie: «Grinta e umiltà per arrivare in alto»   Leave a comment

Una risorsa in più per il centrocampo. Trovare più spazio in Seconda Divisione che in Serie D è sintomo di crescita. Leo Di Ceglie è un centrocampista classe ’89, cresciuto nel vivaio dell’Atalanta. Le sue qualità, grinta e carattere, gli sono valse la fiducia di mister Vecchi.
La squadra, nelle ultime tre uscite, ha raggranellato “soltanto” tre punti. Come te lo spieghi?
Sapevamo già che il girone di ritorno sarebbe stato più difficile. Tutti gli avversari ti conoscono e, quindi, adottano le contromisure necessarie per affrontarti e metterti in difficoltà. Ad esempio, durante l’ultima partita, il Casale ce l’ha messa tutta per portare a casa almeno un punto.
La Tritium, nonostante i pareggi, ha dimostrato di essere temibile passando sempre in vantaggio.
Questo è un aspetto positivo. L’essere passati sempre in vantaggio dimostra che la squadra c’è. Stiamo giocando bene. Ultimamente riusciamo a segnare per primi, creiamo tante palle-gol, ma veniamo puniti alla prima occasione.
Un pò di sfortuna?
Anche, ma tutto questo non deve preoccuparci perchè le prestazioni continuano a essere buone. Stiamo dimostrando di valere la categoria e per una neo-promossa tutto questo non è scontato. Torneremo presto alla vittoria. Lavoriamo bene e abbiamo gli stimoli giusti per non accontentarci di quella che, finora, è stata una buona stagione.
Il mese di febbraio sarà importante per testare le vostre ambizioni. I prossimi incontri saranno decisivi?
Le prossime tre partite saranno importanti, non meno delle altre però. Affronteremo squadre solide come Savona e Pro Vercelli che all’inizio dell’anno erano date tra le favorite per la vittoria finale. A queste penseremo quando sarà necessario. Domenica prossima c’è il Renate e lì sarà essenziale fare risultato.
Il mercato, che ha chiuso i battenti una settimana fa, ha cambiato il volto di molte squadre. Gli ultimi avversari della Tritium (Virtus Entella e Casale, ndr) ne sono un esempio.
Molte squadre sono completamente rinnovate rispetto all’inizio del campionato. Ne parlavamo proprio con mister Vecchi. I valori di queste squadre sono ignoti, quindi dobbiamo scendere in campo e affrontare gli avversari come se fosse la prima partita del torneo.
In queste venti partite sei riuscito a ritagliarti tanto spazio. Te lo aspettavi?
Io mi alleno sempre al massimo, perchè credo che soltanto lavorando si possano ottenere dei buoni risultati. Ci possono essere momenti in cui gioco di meno, ma l’entusiasmo non manca mai. In questo periodo sono felice perchè sento la fiducia del tecnico e dell’ambiente. L’importante è stare con i piedi per terra e cercare di fare sempre meglio.
Nell’ormai collaudato 4-4-2 di Vecchi, tra i due centrali di centrocampo sei quello più arretrato o quello che ha più propensione ad attaccare?
Il ruolo che ricopro è quello di mediano. Il mio compito è  di correre tanto, contrastare gli avversari e recuperare più palloni possibile. All’occorrenza devo essere anche bravo nell’impostazione dell’azione o, in alcuni casi, nel cercare la rete con le conclusioni da fuori area. In definitiva sono un uomo di fatica, se così si può dire.
C’è un giocatore, tra i campioni che ammiriamo in tv tutte le domeniche, al quale “ruberesti” volentieri il talento?
Guardando le partite cerco di prendere spunto da molti giocatori. Magari notando i movimenti che fanno in mezzo al campo. Da calciatori come quelli c’è solo da imparare. Uno che mi piace molto è Cambiasso. E’ bravissimo perchè sa fare bene entrambe le fasi. Lo vedi lì a rubare palla e, immediatamente, lo ritrovi in mezzo all’area ad accompagnare l’azione ed inserirsi per cercare il gol.
Torniamo a te e alla Tritium. Sei ottimista per il futuro?
Per quanto riguarda la squadra sono convinto che continueremo a fare bene. Siamo lì, tra le prime, e abbiamo il dovere di crederci fino alla fine. Tra le altre cose, abbiamo dimostrato sul campo di valere tutti i punti conquistati. Siamo all’altezza delle “grandi” e dobbiamo provare a vincere.  Io, nel mio piccolo, cercherò di essere utile alla squadra. Voglio mantenere la buona forma che ho trovato e mettercela tutta ogni domenica. Questa è la ricetta giusta.
Antonio Priore
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: