A94, Trapani battuto 3a0: la Tritium è Campione d’Italia   Leave a comment


E’ una stagione magica quella che sta vivendo la Tritium. Dopo le vittorie in Seconda Divisione e in Supercoppa Seconda Divisione, un’altra soddisfazione per i colori biancoazzurri. A regalare l’ennesima gioia ai tifosi ci hanno pensato gli Allievi Regionali Professionisti 1994 di Giancarlo Robbiati. La Coppa Allievi Professionisti 2010/2011 è il suggello ad una stagione straordinaria. Dapprima fieri antagonisti, nel girone Regionale, di AtalantaMilan e Inter, poi imbattibili nella Fase Finale. Bellaria Igea Marina, negli spareggi,Matera, in semifinale, nulla hanno potuto al cospetto della Tritium. Stessa sorte è toccata al Trapani nella finalissima. Una vittoria, griffata ancora MayamonaVerga, che ha regalato alla formazione trezzese il titolo di Campioni d’Italia e il privilegio di riceve la Coppa dalle mani di Gianni Rivera, Presidente del Settore Giovanile Scolastico.
Coppa Allievi Professionisti 2010/2011 – Finale
TRITIUM CALCIO 1908  3

TRAPANI CALCIO  0
Marcatori: 5’ pt Mayamona (T), 34′ pt Verga (T), 5’ st Verga (T).
TRITIUM CALCIO 1908 (4-2-3-1): Micheletti 7, Motta 7 (6′ st Barzaghi 6.5), Magni 7 (29′ st Gritta 6.5), Cattalini 8 (33′ st Gentile 6.5), Cassinelli 8, Colombo 8, Mayamona 9, Bassani 7 (8′ st Isacchi 6.5) (39′ st Ghezzi 6), Cecere 7 (25′ st Di Maio 6.5), Verga 9 (33′ st Titaro 7), Seghezzi 8. A disp. Rottoli. All. Robbiati 10.
TRAPANI CALCIO
 (4-3-3): Lo Monaco 6, Cusenza 5.5, Basciano Marco 5.5 (18′ st Guarnotta 5.5), Tocco 6, Paladino 6.5, Cusumanu 5.5, Parente 5.5, Venza 5.5, Vassallo 5.5, Sciacca 6, Palazzolo 6.5. A disp. Sammartano, Basciano Dario, Giuffè, Evangelista, Campo, Guaiana. All. Campanella 6.
Arbitro: Colarossi di Roma Due 7.
Assistenti di linea: Cordeschi Stefano di Isernia 7, Cordeschi Andrea di Isernia 7.
SAN CASCIANO DEI BAGNI (SI) – La Tritium non fallisce l’appuntamento con la storia. Il Trapani nulla ha potuto al cospetto dell’undici schierato da Robbiati. Proprio il tecnico biancoazzurro è uno degli artefici principali del trionfo. Il 10 in pagella è il giusto riconoscimento per il lavoro svolto durante la stagione. I meriti, però, come egli stesso ha dichiarato «vanno divisi con i ragazzi e con tutto lo staff (Luca Apuani, Maurizio Magni, Stefano Robbiati), che mi è stato vicino anche nei momenti di difficoltà. Senza di loro non avremmo raggiunto questo successo. I complimenti per il gioco espresso, ricevuti dai rappresentanti della Federazione, mi rendono ancora più fiero e onorato di aver potuto allenare questi ragazzi. Dopo una stagione lunga e faticosa, abbiamo centrato un obiettivo importantissimo. Prima di oggi alla Tritium non era mai accaduto. Tutto ciò testimonia la crescita del Settore Giovanile e della società. La speranza è quella di riuscire ad affermarci, già a partire dalla prossima stagione, in un contesto ancora più insidioso come quello Nazionale».
La partita è stata a senso unico. Il Trapani ha cercato prevalentemente il lancio lungo verso Palazzolo, una punta dal fisico possente. La retroguardia biancoazzurra ha fatto buona guardia, bloccando tutte le iniziative dei siciliani.  Dopo soli 5′ la Tritium si è portata in vantaggio. Bella giocata di Seghezzi sul secondo palo e assist per il velocissimo Mayamona, che di interno destro piazza la sfera sul secondo palo. Il vantaggio mette letteralmente le ali ai ragazzi di Robbiati, che proprio sulle fasce fanno la differenza. Superiorità che si manifesta al 34′ con il raddoppio di Verga. Cecere allarga sulla sinistra per il n°10 che, da posizione defilata e con un sinistro chirurgico, infila l’incolpevole Lo Monaco. Al 5′ del secondo tempo il conto delle reti viene portato a 3 dall’ennesima realizzazione di Verga. Cattalini serve l’attaccante con un lancio lungo a scavalcare la difesa granata. Il bomber è implacabile, fa sua la sfera, supera in dribbling il portiere e infila agevolmente. Da questo momento in poi grande protagonista del match diviene il centrale difensivo Cattalini. Insuperabile nella sua metà campo, cerca fortuna anche dalle parti di Lo Monaco. La fortuna, però, non lo assiste. Prima colpisce la traversa con un bolide di sinistro, poi con un tiro al volo sfiora il palo, infine al 30′ fallisce un  calcio di rigore. L’ultimo ad arrendersi, tra le fila trapanesi, è l’estremo difensore. Questi evita il quarto gol uscendo tempestivamente sui piedi di Seghezzi, lanciato a rete da un assist di Verga. La partita si chiude con il trionfo della Tritium che conquista il titolo di Campioni d’Italia. Sulle rive dell’Adda, un’altra favola si è conclusa con il lieto fine.
Antonio Priore
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: