Leo Di Ceglie: «Grinta e umiltà per arrivare in alto»   Leave a comment

Una risorsa in più per il centrocampo. Trovare più spazio in Seconda Divisione che in Serie D è sintomo di crescita. Leo Di Ceglie è un centrocampista classe ’89, cresciuto nel vivaio dell’Atalanta. Le sue qualità, grinta e carattere, gli sono valse la fiducia di mister Vecchi.
La squadra, nelle ultime tre uscite, ha raggranellato “soltanto” tre punti. Come te lo spieghi?
Sapevamo già che il girone di ritorno sarebbe stato più difficile. Tutti gli avversari ti conoscono e, quindi, adottano le contromisure necessarie per affrontarti e metterti in difficoltà. Ad esempio, durante l’ultima partita, il Casale ce l’ha messa tutta per portare a casa almeno un punto.
La Tritium, nonostante i pareggi, ha dimostrato di essere temibile passando sempre in vantaggio.
Questo è un aspetto positivo. L’essere passati sempre in vantaggio dimostra che la squadra c’è. Stiamo giocando bene. Ultimamente riusciamo a segnare per primi, creiamo tante palle-gol, ma veniamo puniti alla prima occasione.
Un pò di sfortuna?
Anche, ma tutto questo non deve preoccuparci perchè le prestazioni continuano a essere buone. Stiamo dimostrando di valere la categoria e per una neo-promossa tutto questo non è scontato. Torneremo presto alla vittoria. Lavoriamo bene e abbiamo gli stimoli giusti per non accontentarci di quella che, finora, è stata una buona stagione.
Il mese di febbraio sarà importante per testare le vostre ambizioni. I prossimi incontri saranno decisivi?
Le prossime tre partite saranno importanti, non meno delle altre però. Affronteremo squadre solide come Savona e Pro Vercelli che all’inizio dell’anno erano date tra le favorite per la vittoria finale. A queste penseremo quando sarà necessario. Domenica prossima c’è il Renate e lì sarà essenziale fare risultato.
Il mercato, che ha chiuso i battenti una settimana fa, ha cambiato il volto di molte squadre. Gli ultimi avversari della Tritium (Virtus Entella e Casale, ndr) ne sono un esempio.
Molte squadre sono completamente rinnovate rispetto all’inizio del campionato. Ne parlavamo proprio con mister Vecchi. I valori di queste squadre sono ignoti, quindi dobbiamo scendere in campo e affrontare gli avversari come se fosse la prima partita del torneo.
In queste venti partite sei riuscito a ritagliarti tanto spazio. Te lo aspettavi?
Io mi alleno sempre al massimo, perchè credo che soltanto lavorando si possano ottenere dei buoni risultati. Ci possono essere momenti in cui gioco di meno, ma l’entusiasmo non manca mai. In questo periodo sono felice perchè sento la fiducia del tecnico e dell’ambiente. L’importante è stare con i piedi per terra e cercare di fare sempre meglio.
Nell’ormai collaudato 4-4-2 di Vecchi, tra i due centrali di centrocampo sei quello più arretrato o quello che ha più propensione ad attaccare?
Il ruolo che ricopro è quello di mediano. Il mio compito è  di correre tanto, contrastare gli avversari e recuperare più palloni possibile. All’occorrenza devo essere anche bravo nell’impostazione dell’azione o, in alcuni casi, nel cercare la rete con le conclusioni da fuori area. In definitiva sono un uomo di fatica, se così si può dire.
C’è un giocatore, tra i campioni che ammiriamo in tv tutte le domeniche, al quale “ruberesti” volentieri il talento?
Guardando le partite cerco di prendere spunto da molti giocatori. Magari notando i movimenti che fanno in mezzo al campo. Da calciatori come quelli c’è solo da imparare. Uno che mi piace molto è Cambiasso. E’ bravissimo perchè sa fare bene entrambe le fasi. Lo vedi lì a rubare palla e, immediatamente, lo ritrovi in mezzo all’area ad accompagnare l’azione ed inserirsi per cercare il gol.
Torniamo a te e alla Tritium. Sei ottimista per il futuro?
Per quanto riguarda la squadra sono convinto che continueremo a fare bene. Siamo lì, tra le prime, e abbiamo il dovere di crederci fino alla fine. Tra le altre cose, abbiamo dimostrato sul campo di valere tutti i punti conquistati. Siamo all’altezza delle “grandi” e dobbiamo provare a vincere.  Io, nel mio piccolo, cercherò di essere utile alla squadra. Voglio mantenere la buona forma che ho trovato e mettercela tutta ogni domenica. Questa è la ricetta giusta.
Antonio Priore
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: