A94: L’Atalanta pesca il jolly. Tritium ko: 0-1   Leave a comment

TRITIUM CALCIO 1908  0
ATALANTA BERGAMASCA CALCIO  1
Marcatori: 4′ st. Varano (A)

TRITIUM CALCIO 1908 (4-2-3-1): Micheletti 6; Motta 6,5 (24’st. Gritta 6), Magni 6,5 (31′ st. Grentile sv.), Cassinelli 6,5, Di Maio 6; Cattalini 6 (23′ st. Mayamona 6), Isacchi 6,5 (18′ st. Bassani 6); Carrara 6 (15′ st. Cecere 6), Verga 6, Seghezzi 7; Scaldaferro 6. (a disp: Rotoli, Carissimi) All. Robbiati
ATALANTA BERGAMASCA CALCIO (4-2-3-1): Mora 6,5; Adiansi 6, Longoni 5,5 (26′ st. Foresta sv.), Capelli 6,5, Malvestiti 6 (28′ st. Cason sv.); Grassi 5,5 (1′ st. Meucci 6), Cavagna 6,5 (37′ st. Marchesi sv.); Romano 6, Varano 7, Ungaro 5 (1′ st. Barlocco 6,5); Montebelli 5 (1’st. Bangal 5,5),(a disp:Miori). All. Carminati
Spettatori: 100 circa
Condizioni di gioco: Giornata di sole ma fredda. Terreno morbido in discrete condizioni.
Calci d’angolo: 4-3 per la Tritium
Fuorigioco: 0-0
Ammoniti: Di Maio (T), Isacchi (T), Verga (T), Capelli (A), Romano (A), Varano (A)
Espulsi: –
Recupero:  1′, 5′
Filago (BG), 12 gen 2011 – Puniti alla prima occasione. E’ così che matura la quarta sconfitta nelle ultime cinque partite per i ragazzi allenati da Robbiati. Autori di una buona prestazione, i biancoazzurri hanno pagato la scarsa concretezza negli ultimi undici metri. Al contrario, l’Atalanta è stata brava a sfruttare una delle poche occasioni avute a disposizione.
La Tritium inizia bene il confronto, convinta di poter interrompere il filotto di risultati negativi. Durante la prima frazione di gioco sono i biancoazzurri a fare la partita. La prima occasione al 6′: Verga fa partire un tiro dalla distanza bloccato senza problemi dall’estremo bergamasco. Il match non decolla. L’Atalanta rimane rintanata nella propria metà campo e la Tritium perde di lucidità al limite dell’area avversaria. Bisogna attendere il 21′ per poter assistere alla prima vera occasione. Motta scatta sulla fascia destra, si porta sul fondo ed effettua un cross con il contagiri per la testa di Seghezzi. L’impatto è perfetto, ma la sfera si stampa sulla traversa per poi rimbalzare sulla linea di porta dando soltanto l’illusione di averla varcata. La Tritium inizia a spingere con più convinzione. Mora però non corre altri pericoli e dopo un minuto di recupero l’arbitro pone fine al primo tempo.
Si riparte e l’Atalanta torna in campo rivoluzionata. Tre i cambi per Mister Carminati, speranzoso che i sostituti diano più verve ad un attacco asfittico. La Tritium è pronta a ripartire all’arrembaggio. Ma la sorpresa è dietro l’angolo. Passano quattro minuti e Barlocco, uno dei nuovi entrati, scatta sulla sinistra ed effettua un bel traversone sul quale si avventa Varano. Il numero 10 colpisce la palla al volo e questa, con una traiettoria a giro, si infila nell’angolino alla sinistra di Micheletti. Il colpo è duro. La Tritium è costretta alla rincorsa e Robbiati ridisegna la squadra con Cecere largo a sinistra, Scaldaferro trequartista e Verga sulla linea d’attacco. La reazione è sterile. Per dieci minuti i padroni di casa non riescono a pungere dalle parti di Mora. Solo al 22′ Verga riesce a procurarsi una buona occasione da gol. L’aggancio però è difettoso e il tocco che ne esce è respinto dal portiere in uscita. Passa un minuto ed è ancora il numero 10 trezzese a far partire un bel tiro al volo dal limite, dopo aver superato un difensore con un pallonetto. Mora non si fa sorprendere e blocca con sicurezza.
La porta nerazzurra sembra stregata. Un’altra prova al 32′. Magni si invola sulla fascia e lascia partire un cross respinto con i pugni dal portiere. Scaldaferro è il più lesto di tutti e, in splendida coordinazione, sforbicia di sinistro verso la porta, con palla fuori di un soffio. Ormai è assedio. Ma al 36′ la Tritium rischia di pagar cara la sua propensione offensiva. La combinazione Cavagna-Barlocco è perfetta, non altrettanto la conclusione di quest’ultimo che mette sull’esterno della rete. Seghezzi è uno degli ultimi ad arrendersi: corre, pressa, tira. La fatica comincia a farsi sentire e l’efficacia delle azioni della Tritium ne risente. Poi il triplice fischio del direttore di gara pone fine alle ostilità. La concretezza dell’Atalanta ha la meglio sulla coriacità di una Tritum che perde la possibilità di balzare in testa alla classifica.
Antonio Priore
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: